Capiamo perché i bambini combattono?

Capiamo perché i bambini combattono?

dec 03 | Isa Colli

I bambini sono sensibili, perspicaci e astuti; più di questo, sono molto emotivi e sanno riconoscere le affinità con i più piccoli.

Tra 4 e 6 piace giocare in gruppo e identificare molto bene i piccoli amici a cui piace stare insieme. In questa fase, ogni fastidio è la ragione per non voler essere più amico di qualcuno, per prendere il broncio e piangere. Ovviamente l'ostilità dura solo pochi secondi, ma nella maggior parte dei casi le buste finiscono per essere molto turbate.

Cosa fare quando lo scherzo si conclude con urla, imprecazioni, scatti, tiri, schiaffi, morsi e graffi? A questo punto, l'adulto deve essere chiaro su come vuole risolvere l'empasse: interviene, attira l'attenzione e incoraggia le scuse, o lascia che i bambini risolvano da soli le proprie differenze?

In primo luogo, è necessario capire perché i bambini litigano. Sono semplicemente aggressivi, viziati o egoisti? No! Questa è una fase importante della maturazione del bambino. I bambini di questa fascia di età stanno conoscendo i loro sentimenti, le loro emozioni e reazioni, così come imparano a socializzare e socializzare, abbandonando gradualmente l'egocentrismo.

È normale essere possessivi e gelosi, imponendo le tue volontà:È mio! Dammi Io no! Io non prendo! Esci! Vai via!

La scuola svolge un ruolo importante in questo processo in quanto offre il primo ambiente comunitario in cui i bambini hanno bisogno di condividere tutto. Più che dividere lo spazio, imparano a condividere attenzione, affetto e giocattoli, una situazione molto diversa dal solito, e quindi un cambiamento difficile da accettare. Da questo adattamento, sorgono momenti di aggressività.

Mettono alla prova i limiti in ogni momento - loro e quelli degli altri - cercando di capire fino a che punto possono arrivare. Combattere è un modo per esprimere il tuo desiderio e scoprire quanto valgono i tuoi desideri.

Nella prima infanzia, la lingua e i suoi significati sono ancora in costruzione. Quindi spingere, mordere o battere non sono segni di malvagità, ma piuttosto che il bambino non ha ancora imparato altri modi per risolvere i problemi. Lo stesso vale per le grida e gli attacchi di rabbia (che continueranno a verificarsi se si renderà conto di avere un effetto).

Queste sono ragioni perfettamente normali e sane per i litigi dei bambini, che sono parte del processo di sviluppo dell'empatia e comprensione delle regole sociali.

Ma attenzione ai casi di crisi eccessive. L'esagerazione può essere un segno di difficoltà relazionali croniche. Le situazioni di rifiuto o di molestia, per esempio, richiedono un intervento per evitare problemi nelle prestazioni accademiche e nell'adeguamento scolastico, e non compromettono la salute o lasciarsi isolare e sviluppare depressione e ansia.

Identificare i bambini che affrontano problemi nel vivere con gli altri richiede uno sguardo ravvicinato non solo per il comportamento che presentano a scuola, ma anche per la loro famiglia e le relazioni socio-economiche, la loro salute, il loro potenziale e il loro sviluppo cognitivo.

Comportamento

Quando i periodi di aggressione erano frequenti, qualcosa potrebbe essere sbagliato. I bambini molto isolati o estremamente timidi, così come altri, dovrebbero essere monitorati perché i problemi di comunicazione li rendono più facilmente esclusi dai colleghi.

Salute

Per i bambini con disabilità fisiche, intellettuali o emotive, relazionarsi con il resto della classe è una sfida.

Famiglia

Il bambino impara dai comportamenti che sperimenta. In che modo genitori o parenti risolvono i conflitti a casa? Qual è l'ambiente in cui vive? Si sente sicura? Cerca di sapere quali sono le abitudini del bambino a casa - l'esposizione a film violenti, video e giochi, ad esempio, non sono indicati nella prima infanzia (quando non viene fatta alcuna distinzione tra reale e fittizio) e possono portare a reazioni aggressive .

Situazione economica

La precaria situazione economica può influenzare lo sviluppo del bambino, che ha bisogno di un ambiente sicuro e accogliente. Ancora una volta, la sensazione di sicurezza è fondamentale, ma anche la nutrizione, l'igiene e il benessere.

 

foto: pubblicità di Google

Condividi:

Registra la tua email per ricevere
notizie e scarica il mio free E-book.

GTranslate Your license is inactive or expired, please subscribe again!